Stato di famiglia 2019: autocertificazione, online, modulo, editabile

Che cos’è lo stato di famiglia?

Lo stato di famiglia è definito nell’Atto come lo stato di essere collegato ad un’altra persona da sangue, matrimonio o adozione.

La legge proibisce la discriminazione o il trattamento negativo nei confronti di un individuo in base alla loro relazione con un membro della famiglia. Ad esempio, è contrario alla legge licenziare una persona perché il coniuge, che ha lavorato per lo stesso datore di lavoro, è stato licenziato. È inoltre contrario alla legge discriminare qualcuno in base al loro stato di famiglia, ad esempio, rifiutare di affittare qualcuno perché è un genitore single.


Inoltre, le persone che sono tenute a prestare assistenza ai membri della famiglia (ad esempio, i genitori che si prendono cura dei bambini) possono richiedere un alloggio in alcune circostanze. Per informazioni sul dovere di ospitare, si prega di consultare il foglio informativo della Commissione Occupazione: dovere di ospitare e il bollettino interpretativo Obbligo di ospitare.

Qual è lo stato civile?

Lo stato civile è definito nell’Atto come sposato, single, vedovo, divorziato, separato o convivente con una persona in una relazione coniugale al di fuori del matrimonio. Questa definizione include sia le relazioni omosessuali che quelle eterosessuali.

I datori di lavoro e i fornitori di servizi non dovrebbero trattare negativamente qualcuno a causa del loro stato civile (ad esempio, vedovo o divorziato) o a causa della loro relazione sponsale con un’altra persona. Ad esempio, è contrario alla legge che un datore di lavoro si rifiuti di assumere qualcuno solo perché il coniuge lavora per la stessa società o che un proprietario di casa rifiuta di affittare una coppia in una relazione di diritto comune.

In quali aree è protetto lo stato civile e familiare?

La famiglia e lo stato civile sono protetti in tutte le aree protette ai sensi della legge, che sono:

  • dichiarazioni, pubblicazioni, avvisi, segni, simboli, emblemi o altre rappresentazioni che sono pubblicate, pubblicate o visualizzate davanti al pubblico
  • beni, servizi, alloggi o strutture abitualmente disponibili al pubblico
  • locazione
  • Pratiche occupazionali
  • domande di lavoro o annunci pubblicitari
  • appartenenza a sindacati, organizzazioni di datori di lavoro o associazioni professionali

Qual è la discriminazione basata sulla famiglia o sullo stato civile?

La discriminazione a causa dello stato matrimoniale o di famiglia include trattamenti negativi legati allo stato di famiglia o di marito che si traducono in un impatto negativo (o negativo) su un individuo o un gruppo.

Ad esempio, sarebbe discriminatorio per un datore di lavoro, un proprietario terriero o un fornitore di servizi trattare una persona in modo negativo a causa della famiglia o dello stato civile della persona, oppure a causa della loro relazione con il coniuge o un altro familiare.

Una persona che cerca un alloggio a causa della sua famiglia o dello stato civile, generalmente, dovrebbe cercare di accedere alle risorse disponibili prima di richiedere l’alloggio a un datore di lavoro, proprietario o fornitore di servizi. Tuttavia, una volta che una persona ha richiesto una sistemazione per soddisfare le esigenze familiari o dello stato civile, il datore di lavoro, il proprietario o il fornitore di servizi devono ragionevolmente accogliere tale persona fino al punto di indebite difficoltà. Per informazioni su indebite difficoltà, consultare il bollettino interpretativo della Commissione.

L’alloggio si riferisce spesso alle responsabilità di assistenza e agli obblighi legali verso gli altri, ad esempio, i genitori che si prendono cura dei bambini, al contrario di qualcosa che è una preferenza o una scelta.

Applicazioni o annunci di lavoro

Nel reclutare o intervistare potenziali dipendenti, i datori di lavoro non dovrebbero utilizzare i moduli di domanda di lavoro che suggeriscono una preferenza sulla base della famiglia o dello stato civile del richiedente. I datori di lavoro dovrebbero evitare di chiedere ai candidati informazioni che rivelino il loro stato familiare o civile. Ci sono delle eccezioni a queste regole in cui lo stato civile o familiare si riferisce a un requisito professionale in buona fede (i requisiti legittimi del lavoro).

Pratiche occupazionali

I datori di lavoro sono tenuti a soddisfare ragionevolmente le esigenze dei dipendenti in base al loro stato di famiglia e / o stato civile. Il dovere di ospitare spesso deriva dalle responsabilità di assistenza e dagli obblighi legali verso gli altri, ad esempio i genitori che si prendono cura dei bambini.

Un datore di lavoro è tenuto a fornire una sistemazione ragionevole in situazioni in cui la famiglia o lo stato civile di un dipendente interferisce con la sua capacità di svolgere le proprie mansioni sul posto di lavoro.

Tuttavia, se un dipendente non può svolgere le proprie mansioni a causa dello stato di famiglia o civile e le esigenze del lavoro sono requisiti professionali in buona fede (i legittimi requisiti del lavoro), o se fornire un alloggio al dipendente provocherebbe indebiti disagi al datore di lavoro, il il datore di lavoro potrebbe non essere in grado di accogliere il dipendente.

Ad esempio, un datore di lavoro potrebbe dover essere flessibile con le ore di lavoro di un dipendente se deve abbandonare un bambino all’asilo nido, in particolare dove non è stato in grado di prendere accordi alternativi o è il caregiver principale.

Locazione

La legge sui diritti umani riconosce i diritti e l’importanza delle famiglie e il loro bisogno di alloggi. La legge proibisce la discriminazione basata sullo stato civile e familiare nell’area della locazione. Esempi di discriminazione includono i proprietari terrieri che negano l’alloggio a famiglie con bambini o che trattano le famiglie monoparentali in modo negativo.

Un proprietario può, tuttavia, essere in grado di rifiutare di affittare a una famiglia in cui può essere dimostrato che è ragionevole e giustificabile, come quando una residenza è specificamente istituita per soddisfare i bisogni degli anziani.

Beni, servizi, alloggi o strutture abitualmente disponibili al pubblico (compresi i condomini)

Tribunali e tribunali per i diritti umani hanno riscontrato discriminazioni nei casi in cui una società condominiale ha negato l’accesso o la residenza a famiglie con bambini e la società non è stata in grado di dimostrare che la discriminazione era ragionevole e giustificabile nelle circostanze.

Altri fornitori di servizi hanno anche l’obbligo di soddisfare le esigenze degli utenti dei servizi sulla base dello stato familiare e civile. Ad esempio, a un istituto di istruzione può essere richiesto di essere flessibile nella classe o nella programmazione degli esami per uno studente con responsabilità assistenziali per un membro della famiglia.